Lo scorso 28 novembre presso lo stabilimento Citroën di Aulnay-sous-Bois è stato presentato "Le Conservatoire Citroën".
Non un museo, ma un "conservatorio" appunto dove non è concesso l'accesso al pubblico.
Lì sono raccolte molte delle auto che hanno fatto la storia di casa Citroën e molto altro.
Vi si possono trovare infatti prototipi, maquette e auto da corsa, tra le quali le mitiche DS e SM che hanno gareggiato nei massacranti rallie africani.
Un vero paradiso per gli amanti della marca che in un futuro, speriamo vicino, potranno gustarsi i 300 e più pezzi di storia appena riesumati dai sotterranei e garage sparsi per Parigi e luoghi di proprietà Citroën (come il circuito di prova della Ferté Vidame).
Veicoli che vanno dal 1919 in poi con disegni, documenti, numeri di telaio dei veicoli prodotti e molto della memoria storica della mitica casa fondata da Andrè Citroën.
Tra le curiosità: il prototipo della CX ("project L"), il prototipo C60 di Bertoni (mix tra DS e Ami6) e un elicottero a motore rotarivo.
Da notare che la "targa" di benvenuto è stata ricavata dal cofano posteriore di una Dspécial.


Si ringrazia Citroën Italia per la documentazione.